Francesco Anselmo

News

FIABOLE MODERNE

FIABOLE MODERNE NE “IL GIOCO DELLA SORTE”, L’ALBUM D’ESORDIO DI FRANCESCO ANSELMO

Si canta il senso della vita senza vanità, per esigenza, attraverso un flusso di domande che nella musica non cercano necessariamente risposte, ma il coraggio di esserci: sono queste le regole de “Il gioco della sorte”, album d’esordio del cantautore siciliano Francesco Anselmo; un progetto, questo, che prima però nasce in veste di spettacolo incentrato sul teatro canzone. Il disco è uscito il 14 marzo 2018 e contiene nove tracce; è nel primo brano, che dà il titolo al disco, che viene presentato il destino assimilato a un gioco, fatto di dadi da lanciare, di tentativi e di confusioni, di misteri e di “fiabole”, neologismo creato dall’artista per enfatizzare quello spazio in cui s’incontrano e si confondono la fiaba e la favola. Si scherza grazie a una scrittura ironica e a quell’interrogativo, a fine canzone, che chiude un pensiero per aprirne tanti altri.
Salmone noir“, scritta assieme all’autore Andrea Caligiuri (Drugo), è una ballata energica e curiosa, tra ska e folk, che segue la traiettoria di un treno, palcoscenico della storia che nasce tra la Signora Salmone e il Signor Mantello; ci solo loro, mentre “sbuffa la città”. Si riescono a sentire le rotaie, la nebbia, la velocità nei suoni della tromba e del piano. Ci si allontana dal mondo fiabesco per tracciare i solchi della realtà, nella delicatezza cruda e malinconica de “Il pittore futurista”, in cui si sussurra e poi si urla lo stupore di una terra che si fa scrutare da lontano. Le confidenze con la notte non spaventano, piuttosto sembrano un rito per non contare le onde, per non sentire la lontananza da casa. Gli uomini si affidano al buio per mettere a riposo i pensieri; nel frattempo in mare c’è un migrante che indossa i panni di un viaggiatore, per sopravvivenza, e poi c’è uno scafista che diviene nocchiere, per mascherarsi e per non essere smascherato, per scrollarsi di dosso le colpe di un momento e quelle che verranno.
Le canzoni de “Il gioco de la sorte” seguono un filo conduttore e percorrono lo stesso binario, dettato dalla notte, dal noir, dalla nebbia: nel disco infatti sono frequenti alcune parole che appartengono all’area semantica dell’oscurità, che è la condizione stessa in cui siamo intrappolati; qui anche l’immaginazione si tinge di nero. Così vale per la realtà, di cui Anselmo canta e parla in “La crisi”, brano che inizia con una serie di constatazioni e riflessioni; i concetti si lasciano andare in un turbine di prese di coscienza amare, da dover sdrammatizzare, ad un tratto, a ritmo di una tromba swing. C’è poi “Il barbiere di sua figlia”, un modo scherzoso di concepire l’opera di Rossini, la cavatina di Figaro Largo al factotum, in chiave moderna.
Sono i suoni balcanici a raccontare ancora una volta la notte e ciò che questa riesce a evocare in “Chissà”; in questa circostanza però ci si rivolge alle stelle e con loro si cerca un dialogo per poter dare un senso alle paure e per poterle poi vestire di consapevolezze nuove. L’andamento veloce della chitarra e della fisarmonica segue la corsa dei tanti interrogativi che il cantautore si pone, delle parole che delineano le caratteristiche di uno sfogo. C’è inoltre la poesia dialettale per celebrare l’amore nei versi in siciliano in “Ti detti l’anima”, scritta da Moffo Schimmenti e cantata da Anselmo e Paola Bivona; ritmi accelerati, misti ad altri più lenti, segnano la delicatezza del brano e la timidezza delle immagini. Le conseguenze del consumismo e del progresso vengono cantate in “Sogna mondo”; la voce è graffiante, la tromba segna l’incalzare della ballata e la scrittura è sarcastica.
Tre punte” chiude il disco: una canzone scritta da Francesco Anselmo nel momento in cui ha lasciato la sua Sicilia. Una dedica alla terra, al mare, nella forma del canto popolare. “Tre sono le punte della vita: limoni, passioni meta”: è in queste parole il centro focale del brano, di una cultura, di un amore.
Gli umori sono contrastanti, i toni sono a tratti esilaranti, divertenti e a volte malinconici, riprendono alcuni aspetti autentici della canzone folclorica e d’autore; il giovane artista riesce a creare un connubio giusto, dunque, tra melodie della musica italiana e tra le sonorità internazionali, come quelle balcaniche e gitane. Ha le idee chiare e le doti promettenti per continuare a sperimentare in campo artistico. Lo ha dimostrato nel suo primo album (meritatamente nella cinquina finale delle Targhe Tenco 2018), che risulta ricco di atmosfere e suggestioni oniriche, di confine tra il sapore del mare e della terra, ma anche di metafore colte e sottili. Tutto quello che serve per poter sperare di sentire altre “fiabole”, altre storie di viaggi e di viaggiatori.

Lucia Santarelli , Recensito

Have your say